Come fare un ditalino perfetto

Fare un ditalino pu√≤ apparire un esperienza complessa e a tratti difficoltosa, ma niente panico. Masturbare la propria compagna o un’amica √® un atto naturale, ma necessit√† di particolare delicatezza e attenzione, soprattutto se si √® alle prime armi e si tratta del primo ditalino in assoluto.

La vagina √® un organo molto complesso e soprattutto delicato, per fare un buon ditalino, la prima regola fondamentale da tenere sempre a mente √® dunque non agire in maniera rude e non forzare la pressione delle dita, pena l’irrigidimento dei tessuti e la mancata lubrificazione dell’organo genitale femminile.

Come fare un ditalino

Come fare il primo ditalino?

√ą molto importante accarezzare nelle zone erogene la propria partner: baci, carezze, abbracci insomma un buon petting √® molto importante per la lubrificazione della vagina.
La seconda regola da tenere a mente √® di non infilare in maniera violenta le dita, ma accarezzare lentamente e in maniera delicata l’interno coscia, la pancia e il basso ventre, prima di arrivare nella zona delle grandi e piccole labbra.

Accarezzare e sfiorare dolcemente la vagina e inserire le dita solo quando è molto lubrificata, in modo da suscitare piacere e non provocare dolore.
I movimenti sono molto soggettivi, molto importante è capire se la partner è particolarmente predisposta per un orgasmo vaginale o un orgasmo clitorideo, o entrambi.

Ditalino con orgasmo

Per condurre la propria partner all’orgasmo √® molto importante capire quali sono le zone erogene della vagina. In caso di orgasmo clitorideo √® molto importante concentrarsi sulla zona esterna della vagina, il clitoride e massaggiarlo in maniera delicata con l’indice, il medio o il pollice, a seconda della posizione in cui siete pi√Ļ comodi. Seguite le reazioni della partner, ogni vagina √® differente e ha diverse terminazione nervose per raggiungere l’orgasmo, di conseguenza ogni ditalino sar√† diverso.

In caso di orgasmo vaginale, le terminazioni nervose che conducono al piacere si trovano all’interno della vagina. Allora potrete procedere sempre attraverso l’indice o il medio o entrambi e scoprire quali sono le zone erogene della vostra partner.

Esistono punti particolari come il punto G che si trova all’interno ma di fronte al pube, che conduce a un particolare orgasmo molto intenso, oppure il punto U che si trova ancora pi√Ļ in profondit√† e pu√≤ condurre la donna allo squirting. Molto importante √® non fare forte pressione se la vagina non √® ben lubrificata, questo vale sia in fase di petting che durante l’atto vero e proprio.

Quali dita utilizzare e come utilizzarle?

Utilizzare il medio e l’indice sono sicuramente le dita pi√Ļ indicate per condurre la partner all’orgasmo. L’indice e il medio permettono sia di stimolare il clitoride che l’interno della vagina.

√ą molto importante seguire le sensazioni del partner per scoprire le zone erogene e condurlo all’orgasmo. In taluni casi si possono praticare anche ditalini con tre o pi√Ļ dita, a patto che la partner sia predisposta e che la vagina sia ben lubrificata.

Per un effetto pi√Ļ intenso si pu√≤ utilizzare la lingua sul clitoride per esempio e combinare il ditalino con l’utilizzo delle dita, inserendole nella vagina e provocando un doppio orgasmo clitorideo e vaginale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *