La mia cara amica Matilde

Ho sempre pensato che nella mia vita avrei provato di tutto senza mai precludermi nulla, grazie a questo mio modo di pensare ho avuto molte avventure che mi hanno soddisfatto parecchio.
Non mi sono mai etichettata riguardo al mio orientamento sessuale perché non ho mai negato che avrei provato ad andare a letto con una donna e così poche settimane fa ho avuto modo di vivermi al meglio questa esperienza.

La mia cara amica Matilde

La mia cara amica Matilde si era trasferita in Olanda e più volte mi aveva invitato ad andarla a trovare così come ho potuto prendere dei giorni di ferie dal lavoro, ci siamo organizzate.
Erano mesi che non la vedevo e la complicità che avevamo non si era smarrita, infatti già dall’incontro in aeroporto subito si era capito che sarebbero stati giorni intensi insieme.

Ogni momento era buono per affrontare argomenti piccanti per raccontarci le nostre avventure erotiche e ciò faceva sì da scaldare l’atmosfera che si creava tra noi.
La sera prima di ripartire Matilde mi ha raccontato che aveva avuto un’esperienza con una ragazza e più ne parlava e più mi incuriosivo e lei aveva notato questo mio interesse così ne approfittava per entrare nei dettagli e far palesare in me l’eccitazione che stavo provando.

Essendo dirette l’una con l’altra lei non ha perso occasione per avere la conferma di quello che stavo provando e così al mio confermare il tutto mi ha messo la mano tra le gambe ed ha esclamato tutto il suo piacere nel vedere ciò che aveva provocato. Quella moda fatta dalla mia audace amica aveva aperto lo scenario per qualcosa di molto intenso

Complicità e passione spesso vanno a braccetto

Ho risposto al suo gesto toccandola anche io tra le gambe e sentire se anche lei aveva provato la stessa eccitazione, la conferma che ho ricevuto ha portato ad un bacio ricco di passione tra noi.
Con il passare dei minuti i baci diventavano sempre più coinvolgenti e così ci siamo spostate sul letto eliminando dai nostri corpi il solo intimo che ancora ci copriva.

Le nostre lingue andavano veloci sul corpo dell’altra e le mani non erano da meno ciò influiva sulla nostra voglia reciproca che avevamo.
Matilde mentre era intenta a masturbarmi ha tirato fuori dal comodino un vibratore rabbit e guardandomi maliziosa mi ha detto che quel momento lo avrei ricordato per bene e a lungo.
Come le sue labbra hanno finito di pronunciare ciò, il sextoy ha avuto modo di penetrarmi grazie alle azioni sempre più passionali della mia cara amica.

Ero tutta un fremito di piacere e le chiedevo di non fermarsi per quanto stessi godendo, allo stesso tempo però giocavo con il suo corpo e la baciavo sul collo che sapevo bene quanto la facesse impazzire.
I nostri iniziali gemiti di piacere erano il sottofondo che di udiva in quella stanza, poi hanno dovuto lasciare spazio a qualche urlo di intenso godimento quando entrambe abbiamo raggiunto l’orgasmo assoluto.

Ancora non credevamo a quanto realizzato insieme ma guardandoci negli occhi poi, ci siamo chieste perché non lo avevamo fatto capitare prima. Posso dire quindi con assoluta certezza che ci sarà modo di darci di nuovo dentro quando capiterà di rivederci ancora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *