Tecniche di bondage e sadomaso BDSM

Il bondage e il sadomaso sono ormai molto in voga in tutto il mondo. Si tratta di pratiche bdsm amate da chi cerca continuamente sensazioni fisiche forti, diverse da quelle provate nel quotidiano, un momento in cui persone consenzienti giocano dei ruoli, utilizzando spesso dei giochi bondage e sex toys.
L’acronimo bdsm riassume diverse categorie, tra le quali il bondage e la disciplina (BD), a cui si aggiunge la dominazione e la sottomissione (DS) ed infine il sadismo ed il masochismo (SM).
Il fine di queste pratiche è quello di riuscire a raggiungere una sorta di appagamento mentale attraverso la soddisfazione di fantasie e bisogni legati al desiderio fisico.
E’ un gioco tra dominatore e sottomessa con delle regole ben precise, da rispettare e far rispettare.

Il soft bondage e le tecniche più amate

Tra le tecniche di soft bondage vi è la legatura di polsi o caviglie. Per far sì che questa pratica sia piacevole e non sconfini in momenti di dolore o imbarazzo, è necessario seguire alcune regole.
Per prima cosa bisogna scegliere una parola da utilizzare in caso di pausa dalla pratica, in modo da poter comunicare al partner quando si sta eccedendo.
Tra i giochi bondage vi è quella che consiste nel legare la sottomessa con corde morbide, in stoffa oppure di nylon, senza fissarle troppo strette per non lasciare segni su polsi o caviglie.
Soft BondageSolitamente vengono fissate le mani dietro la schiena, con i palmi che si toccano, per assicurare un maggior comfort.
A questo punto la corda, legata a cappio, può essere legata per appendere la persona in piedi oppure semplicemente fissata ad una sbarra orizzontale.
Tra le pratiche bdsm più note vi è lo spanking, cioè la sculacciata erotica.
Questa consiste nel dare delle pacche con la mano nuda, con attrezzi appositi o scelti tra quelli d’uso quotidiano, come giornali e righelli.
La zona prediletta è il fondoschiena, ma il dominatore e la sottomessa possono scegliere di praticare lo spanking anche in altre parti del corpo per sperimentare altri tipi di piacere.

Nuove frontiere dell’hard bondage

L’hard bondage rientra nelle pratiche bdsm e racchiude una serie di tecniche che amplificano il dolore trasformandolo in piacere.
In questo caso vi deve essere uno stretto rapporto tra dominatore e sottomessa, fondato soprattutto sulla fiducia reciproca e il controllo delle azioni; vengono scelgono giochi bondage più sofisticati e spesso invasivi.
Tra le tecniche che spopolano tra i giovani vi è lo Zentai, una pratica che consiste nel vestirsi completamente con delle tute aderenti in stoffa lucida o latex, amplificando le sensazioni date dal tatto e dallo sfioramento.
Oltre ciò vi è anche il clinical play, in cui il dominatore svolge il ruolo del ‘medico’, mentre la sottomessa è la paziente, su cui vengono utilizzati alcuni strumenti realmente impiegati in medicina.
Hard BondagePer i più audaci, tra le tecniche hard bondage vi è il play piercing, dove si arriva a perforare la pelle della persona consenziente in modo da arrivare a varcare la soglia tra piacere e dolore.
Tutte le pratiche bdsm vengono realizzate con l’ausilio di giochi erotici di vario tipo e composti in materiale diverso. Prima dell’incontro ‘fisico’ le parti concordano su cosa può e non deve essere utilizzato, in modo da riuscire a raggiungere il reciproco appagamento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *